More

Frutto della pianta spinosa appartenente alla famiglia delle Rosacee.
Morfologia
Si presenta come pianta arbustiva perenne con fusti provvisti di spine arcuate.
I fiori bianchi o rosa, sono composti da cinque petali e cinque sepali; la fioritura compare al principio dell’estate. Il frutto commestibile è verde al principio, poi rosso e infine nerastro a maturità. In Italia il frutto è maturo in agosto e settembre, il gusto è variabile da dolce ad acidulo.
Habitat
ll suo areale comprende quasi tutta l’Europa, il Nordafrica ed il sud dell’Asia.
La pianta è indicativa di terreni profondi e leggermente umidi. È considerata un’infestante in quanto tende a diffondersi rapidamente e si eradica con difficoltà: né il taglio né l’incendio risultano efficaci.
Tollera poco l’ombra degli altri alberi pertanto si riscontra ai margini dei boschi e lungo i sentieri, nelle siepi e nelle macchie.
Usi
La mora ha discrete proprietà nutrizionali con
marcata presenza di vitamine A e C. Presenta indicazioni in erboristeria per le sue proprietà astringenti e lassative. Si tratta di un frutto delicato
che mal si presta a lunghe conservazioni. È commercializzato per scopi alimentari al naturale e come guarnizione di dolci, yogurt e gelati oppure nella confezione di marmellate, gelatine, sciroppi, vino e acquavite.